• Bio

    Augusto Massa nasce a Bacoli nel 1951. Termina gli studi all’accademia di belle arti di napoli nel 1973. Ha insegnato “discipline plastiche ed educazione visiva” dal 1976. Espone in personali e mostre di gruppo dal 1968. Nel corso degli ultimi anni ha esplicitato, con una paziente ricerca e con riflessioni compositive, la reciproca contaminazione tra scultura e pittura, superando il discrimine, ormai sempre piu’ labile, tra le due discipline. Una sapiente manualità governa materiali eterogenei che sono supporto e sostanza delle sue opere, coniugando fitte incisioni e morbide stesure di colore sui manufatti, ed elaborando un repertorio di segni che rimandano, senza allusioni nascoste, al mondo flegreo, dove miti,simboli, paesaggi si sono sedimentati in una rigorosa geometria di enigmi e la frizione tra passato e presente si ricompone nel tentativo di ingannare lo scorrere del tempo. Nelle opere piu’ recenti, la parola o il testo poetico diventano “cose” da accudire con affettuosa tenerezza, e assurgono a frammenti rarefatti, ma nello stesso tempo inviolabili.

    Hanno scritto di lui...

  • Prossimi Eventi / Notizie

    21Nov

    Inaugurazione Mostra presso Sala Leopardi - Biblioteca Nazionale di Napoli

    10Set

    "Sott 'e bombe"

    il ventre della città accoglie il reading di poesia al femminile curato da Costanzo Ioni

    Per l'occasione saranno presentati i PICCOLIBROGGETTO di Augusto Massa contenanti i versi di oltre 26 poetesse napoletane di nascita e di adozione

    Sott 'e bombe - Acquedotto greco delle bolle - Palazzo Caracciolo D'oppido - Napoli
    22Mag

    Reading poetico dedicato a G. Leopardi nei pressi della sua residenza in Palazzo Cammarota a Napoli

    P

    Letture di poeti napoletani classici e contemporanei

    Per l'occasione saranno presentati i PICCOLIBROGGETTO di Augusto Massa contenanti i versi di oltre 50 poeti napoletani. Veduta Leopardi - Scala San Pasquale - Napoli

  • AUGUSTO MASSA NASCE A BACOLI NEL 1951. TERMINA GLI STUDI ALL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI NAPOLI NEL 1973. HA INSEGNATO DISCIPLINE PLASTICHE ED EDUCAZIONE VISIVA DAL 1976 AL 2011. ESPONE IN MOSTRE PERSONALI E DI GRUPPO DAL 1968. VIVE E LAVORA A BACOLI

    1968/1977 – Rassegna Regionale di scultura e grafica- ACERRA / 1^ Biennale Nazionale d’Arte Contemporanea S.M.CAPUA VETERE / Mostra illustrativa sul terzo mondo . Centro Sociale di Educazione Permanente – BACOLI / Alessandro CORRADO e Augusto MASSA – Circolo Unione – MARIGLIANO / Collettiva Villa Comunale – BACOLI / Augusto Massa, sculture e disegni – Centro Artistico Fiorentino – FIRENZE / “Profumo di zolfo” Arci Nuova Generazione – BACOLI /

    1978/1987 - Rassegna di pittori Contemporanei – Sala Ottagonale Castello Angioino – GALLIPOLI / Intervento con Ginni Lizio e Giuseppe Massa nella Metropolitana di PARIGI / “Dall’alto di un elicottero impazzito “- Villaggio Vesuvio – S. GIUSEPPE VESUVIANO /Settimana dei Murales – S: GREGORIO MATESE / Circolo PIERROT – NAPOLI / Undici Proposte dalla Campania – Centro Di Sarro – ROMA / “ Sapere/Sapore “ Arte in Italia 1958/1985 – CASTELLO ARAGONESE DI BAIA /

    1988/1997 - Artecittà – Sei appuntamenti con artisti napoletani- Sala M. Alicata - NAPOLI / “Tavole Serigrafie Ceramiche“ Mostra itinerante ( Acquario ,Spazio, Metropolis etc.) NAPOLI / Esperienze Flegree – MONTERUSCELLO POZZUOLI / Osservatorio Territoriale per le comunicazioni visive – LACCO AMENO e PORTICI / Galleria PAGNONI – FANO ( PS ) / Artecittà – Sala Carlo V° Maschio Angioino – NAPOLI / Pittori Flegrei – Studio d’arte – BACOLI / Incontri con la città nuova – Cinema-teatro Roma – PORTICI / “ Mare Nostrum “ a.s.c.o.m. – POZZUOLI / Arte per Telethon – BNL NAPOLI / “ Le Récit Feerique “ – Aligria – PARIGI / Associazione “ Oltre l’Averno” POZZUOLI / “ 60 anni della Repubblica Italiana “ – PONTICELLI / “ Segni d’acqua “ Casina Vanvitelliana - FUSARO / “ Le nuove generazioni, il motore del 2000 “ Giardini Di via Ruoppolo NAPOLI / “ Infuocata p’arte “ PARCO DEL LAGO FUSARO / “ Segni Della memoria “ – Augusto Massa, Beatrice Pasquet, Traute Schmaljohann – Forum – ROMA /” Appuntamento con artisti napoletani “ Sala Mario Alicata NAPOLI / “ L’ officina dell’arte “ ROMA /

    1998/ 2007 - “ Percorsi tra memoria e progetto “ Tempio di Serapide – POZZUOLI / “Otto pittori Flegrei “ Municipio MONTE DI PROCIDA / “ Trame di zolfo “ Ciac m21 – CASERTA / “ Approdi Arcaici “ Casina Vanvitelliana FUSARO / “ Senti/Mento “ Il Cielo Sopra L’Esquilino “ ROMA / “ Mediterraneo, o l’oblio dell’essere “ Museo Storico Archeologico – PONZA / Incontri scuola, territorio, cultura – Biblioteca I.S.A. “ U. Boccioni “ NAPOLI / “ Vedute Ardenti “ Palazzo Valletta NAPOLI /“Kaleidoscope” Palazzina Direzionale – SCANDICCI ( FI ) / “ Vedute ardenti “ – Il Diapason Arte – NAPOLI / “ Civiltà flegrea – Tracce – Ex cava di tufo – Il Ramo d’Oro – BACOLI “ I Totem del ricordo “ – Il Diapason Arte – NAPOLI / “ Solid’Arte “ Casina Pompeiana Villa Comunale - NAPOLI / “ Caffest “ Castel dell’Ovo – NAPOLI / “ Colori, suoni, forme “ Ass. Overart - MONTE DI PROCIDA / “ Il tempo del mare e della terra “ Il Diapason Arte – NAPOLI /

    2008/........... - Personale MAGSTADT – STUTTGARD / “ A/Vento “ Caffè letterario BACOLI / “ Canicula “ Giardini di Villa Monteatano – ROCCAMONFINA / “ Mithra sol Invictus “ Museo Archeologico dell’ antica Capua - S.M.CAPUA VETERE / “ Confondersi “ ApothecaArtPort “ POZZUOLI / “ Una piazza per la poesia “ Libreria Treves - Piazza Plebiscito NAPOLI / “ Piatti D’ autore “ Ristorante SUD – QUARTO / “ UT PICTURA POESIS “- PICCOLIBROGGETTO – Spazio “LIBRI&CAFFE” Teatro Mercadante – NAPOLI / “ Incendium “ Artisti per città Della scienza – PAN (Palazzo delle Arti) NAPOLI / “L’Arte in forma di libro “ Spazio “ LIBRI&CAFFE” Teatro Mercadante NAPOLI /

  • Quadrotti

    Ataraxis

    PICCOLIBROGGETTO

    Paraventi

    Reportage

    Advertising

    Portrait

  • Contact Info

    Augusto Massa

    Via della torretta 20, Bacoli(NA), Italia

    Telefono:
    Email:

    +39 338 96 16 322
    augusto.massa@alice.it

    Contact Form

    Nome:
    E-mail:
    Oggetto:
    Messaggio:
      Clear Send
  • Read more

    Et harum quidem rerum

    Cupiditate noprovident similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga. Et harum quidem rerum facilis est et expedita distinctio. Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi optio cumque nihil impedit quo minus id quod maxime placeat facere possimus, omnis voluptas.

    At vero eos et accusamus et iusto odio dignissimos ducimus qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti atque corrupti quos dolores et quas molestias excepturi sint occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

    Occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

    Blanditiis praesentium voluptatum

    At vero eos et accusamus et iusto odio dignissimos ducimus qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti iusto odio dignissimos ducimus qui atque corrupti quos dolores et quas molestias excepturi sint occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

    At vero eos et accusamus et iusto odio dignissimos ducimus qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti atque corrupti quos dolores et quas molestias excepturi sint occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

    Qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti atque corrupti quos dolores et quas molestias excepturi sint occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

    Occaecati cupiditate non provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia animi, id est laborum et dolorum fuga.

  • Salvatore Casaburi

    ” ...con le sue opere, restituisce al mito la sua essenza.Il mito non è tempo passato, non è illusione di tempo futuro. Il mito è tempo, tutto il tempo , strappato alla banalità delle singole umane vicende. Questa è la ragione per la quale, nei transiti epocali, il mito torna con sfavillante attualità a guidare la riflessione sulla complessità della condizione umana. Nei Totem, nelle Formelle o nelle sculture che richiamano antiche cetre, questa consapevolezza dell’Artista è presente con forza , fino ad individuare nel remo l’oggetto-pròtesi che, in tempi arcaici, ha dato forza alla volontà umana di sottrarsi all’immobile condizione di chi fino ad allora, aveva affidato unicamente alla natura, generosa e crudele al contempo, la sua stessa sopravvivenza. Il Remo-Totem è probabilmente, il segno distintivo dell’intero lavoro di Augusto Massa,come il Timone-Totem ribadisce il volontario tracciato di un attraversamento nel tempo, prima ancora che dello spazio”

  • Aldo Trione

    “...i colori, le figure, i sassi della terra flegrea, su cui Massa interviene con tocchi discreti e gesti lievi e allusivi, disegnano un universo proliferante, su cui è impresso il calco imprevedibile di realtà ignote e originarie, che parlano attraverso le lettere e i geroglifici di un alfabeto misterioso. L’Artista ha trovato (a le raffigura) le orme di approdi arcaici, e, insieme, il sapere e il colore di oggetti che, nel loro disporsi continuamente inventano simulacri, miniature, erosioni, spaccature, strane geometrie e alterazioni...”

  • Alberto Abruzzese

    “L’Artista vive oggi lo stesso paradosso dell’intellettuale: da figura centrale si è fatto cioè frammento, particella, deviazione. Infatti la sua professione di fede lo obbliga a rivolgersi ad un pubblico che non può essere inteso come identità globale , come spirito del tempo, ma solo come uno specchio dilatato dell’autore. La pagina scritta, la tela dipinta, la materia scolpita costringono l’autore a parlare solo di se stesso e dei propri simili. Fuori vi è il tumulto dell’altro. Augusto Massa mi pare corrispondere a questa lucida consapevolezza : senza pretendere l’avventura di un esodo dai luoghi dell’arte, ha scelto un suo paradiso e vi riporta pazientemente le particelle e i turbamenti che vengono da “fuori”, uomini o cose che siano”.

  • Michele Sovente

    “...Il disegno offre dimora agli effetti dell’immaginazione, lo spazio attualizza il passato. Ecco perché un sottile alone di sospensione e di magia avvolge di un antica sapienza evocativa questi frammenti che ora somigliano a miniature, ora a sinopie”.

  • Gerardo Pedicini

    “...Come nei sogni, i colori sono intinti in una luce perlacea che respira d’immensità. Ma il sentimento del mare per Augusto Massa non si ferma qui: A queste pittoriche atmosfere si aggiungono i reperti di scalmi, remi etc. Che l’Artista assume come segno già definito su cui vengono incisi o segnati arcaici alfabeti per testimoniare echi di lontani ricordi di vita. Nella emblematica presenza si avverte una vitalità non ancora desueta. Non diversamente le opere che richiamano le superfici scalcinate di mura. Qui i colori sono densi, corposi, forti. Spaziano. Portanol’odore salmastro, la luce intensa e viva del mare. Si danno per opposizione e contrasto, come se volessero svanire uno dentro l’altro, diventare eco della memoria, matrice, orizzonte, specchio, respiro della coscienza, forma dell’anima. Ed è quanto l’Artista si augura”.

Copyright 2013
Augusto Massa